Risultati della ricerca

Olimpiadi invernali: si sbloccano i cantieri e si investono 36 miliardi

Pubblicato da LISTAIMMOBILIARE.it il 22 Agosto 2019
| 0

Grazie alle Olimpiadi invernali a Milano-Cortina arrivano ben 36 miliardi di € per un piano specifico di investimenti su ponti e gallerie, che interesserà anche Cortina Ferrovie e che, più in generale, vedrà uno sblocco di numerosi cantieri sul territorio nazionale, come il completamento della Napoli-Bari.

Il merito è sicuramente dell’assegnazione a Milano-Cortina delle Olimpiadi invernali 2026, che ha dato la spinta giusta al Cipe per sbloccare circa 50 miliardi di € di lavori pubblici, che riguardano soprattutto strade e autostrade sparse su tutto il territorio nazionale, e non solo al nord. Sono programmi di investimenti, che riguardano in molti casi anche le ferrovie, che in parte sono già stati finanziati, ma che al momento ancora non sono stati avviati per iter burocratici troppo macchinosi.

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica presieduto dal Premier Giuseppe Conte, ha reso nota la notizia subito dopo l’ufficialità della volontà di proseguire nei lavori di costruzione della TAV, ferrovia alta velocità che collegherà Torino a Lione. Una riunione a cui hanno partecipato anche il vicepremier Matteo Salvini ed il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti.

Grazie alla riunione sono stati sbloccati ben 36 miliardi di € per autostrade e strade, e circa 15 miliardi di € per le ferrovie. Un aggiornamento quindi del contratto di programma 2016-2020 siglato tra ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e l’Anas, che era relativo agli anni 2018-2019. In questo contratto sono inclusi anche interventi di manutenzione straordinaria a ponti, viadotti e gallerie (che si sono resi necessari dopo la tragedia del Ponte Morandi che ha colpito Genova). In più c’è un piano speciale per le Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026 e ai Mondiali di sci del 2021, che vedono un investimento di ben 100 milioni.

In totale nel nuovo accordo ci sono 31,2 miliardi di € già finanziati e 4,7 da finanziare. Il Cipe ha poi dato parere favorevole per l’aggiornamento del contratto di programma 2017-2021 di Rfi, società di Fs che gestisce le ferrovie. Ci saranno interventi per 15,4 miliardi di € per recuperare il gap tra nord e sud, installazione su tutta la rete di tecnologia Ertms per aumentare la sicurezza, aumento del numero di capoluoghi collegati tra loro in meno di 4 ore e mezzo.

In ultimo, è previsto il completamento della Napoli-Bari e del collegamento Palermo-Catania, oltre a quelli del Terzo valico dei Giovi, del nodo di Genova, del potenziamento della Roma-Pescara, della Gallarate-Rho, della Pavia-Milano Rogoredo.

Commenta l'articolo

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Confronta Annunci